12 DICEMBRE 2017

INSEDIAMENTO DELLA NUOVA COMMENDA DI SANTA

VENERA AL POZZO ED INIZIO DEL MINISTERO DEL NUOVO

RETTORE E VICE RETTORE

Si è svolta domenica 10 dicembre, presso la Chiesa di Santa Venera al pozzo (XI-XII secolo), al centro dell’omonimo splendido sito archeologico, assegnata alla Commenda dal Vescovo di Acireale come propria chiesa e sede canonica, l’insediamento solenne della nuova Commenda di Santa Venera al pozzo presso la Diocesi di Acireale, alla presenza del Venerando Balivo di Sicilia e di alcuni componenti del consiglio direttivo del Baliato di Santa Maria degli Alemanni – Sicilia.

All’inizio della Santa messa, concelebrata dal nuovo Rettore e Vice Rettore della Chiesa, P. Metodei Radomir Hofman OT e Don Rosario Sciacca famOT, e da Don Vincenzo Castiglione famOT, e presieduta da Don Giovanni Mammino, Vicario Generale della Diocesi di Acireale, in rappresentanza del Vescovo Mons. Antonino Raspanti impedito per motivi di salute, il Balivo ha dato lettura dei decreti del Gran Maestro di nomina del Rettore e del Vice Rettore; subito dopo hanno preso la parola il Commendatore Prof. Antonino Longo famOT, che ha rivolto ai presenti un suo indirizzo di saluto per l’inizio dell’attività della Commenda, ed il Rettore P. Metodei Radomir Hofman OT il quale ha dato lettura del messaggio augurale inviato dal Gran Maestro dell’Ordine Teutonico.

Alla fine della celebrazione il Balivo ha conferito al nuovo Rettore il decreto di nomina e le insegne di Accademico Ordinario dell’Accademia Teutonica Enrico VI di Hohenstaufen.

Subito dopo la messa ha avuto luogo l’agape fraterna presso uno dei migliori ristoranti della zona, con pietanze tipiche della cucina siciliana.

A fine giornata il Rettore, accompagnato dal Balivo, dal Cancelliere del Baliato e dal Commendatore di Santa Venera al pozzo si è recato al Palazzo Vescovile di Acireale per manifestare al Vescovo Mons. Antonino Raspanti famOT la loro gratitudine per il sostegno prestato all’Ordine e per augurare una pronta guarigione. Il Vescovo ha ringraziato e manifestato apprezzamento per l’attività svolta dall’Ordine in Sicilia.

 

 

29 NOVEMBRE 2017

PRESENTAZIONE DEL NUOVO LIBRO

DI MONS. GAETANO TULIPANO FAMOT

ASSISTENTE SPIRITUALE VICARIO DEL BALIATO

 

 

23 novembre 2017

IL CONSIGLIERE GENERALE DELL’ORDINE

P. METODĚJ RADOMÍR HOFMAN OT

RETTORE DELLA CHIESA DI SANTA VENERA AL POZZO

P. Metoděj Radomír Hofman OT è nato a Hradec Králové (Republica Ceca) l’11 maggio 1970 ed è cresciuto a Javorník, una piccola città nel nord della Moravia, ove è stato battezzato nella chiesa della Santissima Trinità, costruita dal Gran Maestro Teutonico Franz Ludvik nel 1723.

Ha frequentato il Gymnasium in Jesenik e nel 1988 ha cominciato gli studi di medicina presso l’universitá di Olomouc che, però, non ha potuto concludere a causa della persecuzione dal regime comunista. Dopo il servizio militare obbligatorio, nel 1990, è entrato nell’Ordine degli francescani ed ha studiato teologia e filosofia presso l'Università Carolina di Praga.

Ordinato sacerdote il 27 dicembre 1997 dal vescovo Vojtěch Cikrle nella Chiesa di San Giovanni a Brno, dove ha pure svolto il proprio ministero sacerdotale.

Nel 2005 ha lasciato l’Ordine Francescano ed è stato ammesso nell’Ordine Teutonico, presso il quale ha esercitato il ministero nell’antica chiesa di San Gothard nel villaggio Bouzov, sotto il castello medievale dell’Ordine, rinnovato dal Gran Maestro Eugenio tra gli anni 1895-1912.

Attualmente è assistente spirituale del Baliato “Čechy, Morava a Slezko” e dal 2007 è cappellano nel ginnasio fondato dall’Ordine in Olomouc.

Dal 2008 ricopre l’incarico di vicario del Gran Maestro per la restituzione dei beni dell’Ordine nella Repubblica Ceca e, dal 2013, è membro del Consiglio generale dell’Ordine e, dal 2015, membro del Consiglio provinciale della provincia Ceca dell’Ordine Teutonico.

Con decreto del 19 novembre 2017 il Gran Maestro, su proposta del Balivo di Santa Maria degli Alemanni – Sicilia, lo ha nominato Rettore della Chiesa di Santa Venera al pozzo, presso la Diocesi di Acireale, sede dell’omonima Commenda siciliana dell’Ordine.

Con decreto in pari data il Gran Maestro ha nominato Vice Rettore Don Rosario Sciacca famOT.

Rettore e Vice Rettore assumeranno solennemente le funzioni il prossimo 10 dicembre, nel corso di una celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo di Acireale Mons. Antonino Raspanti famOT.

 

 

13 NOVEMBRE 2017

SUA BEATITUDINE JOSEPH ABSI, S.M.S.P.,

PATRIARCA DELLA CHIESA CATTOLICA GRECO MELCHITA

ACCADEMICO ONORARIO DELL’ACCADEMIA TEUTONICA

ENRICO VI DI HOHENSTAUFEN

Sua Beatitudine Joseph Absi, S.M.S.P. è nato a Damasco il 20 giugno 1946 e dal 21 giugno 2017 è Patriarca Greco-Melchita di Antiochia, di Gerusalemme e di tutto l'Oriente.

È entrato nella Società dei missionari di San Paolo e il 6 maggio 1973 è stato ordinato presbitero. Dopo la conclusione degli studi di filosofia e teologia presso il Seminario maggiore di San Paolo ad Harissa ha conseguito la licenza in filosofia presso l'Università Libanese, la licenza in teologia presso l'Istituto di San Paolo ad Harissa e il dottorato in scienze musicali e innografia bizantina presso l'Università St. Esprit di Kaslik.

Dal 1996 è stato consigliere generale ed economo del suo Ordine per divenirne poi superiore generale il 13 luglio 1999.

Il 14 luglio 2001 papa Giovanni Paolo II ha confermato la sua elezione canonicamente fatta dal Sinodo dei vescovi della Chiesa cattolica greco-melchita, riunitosi a Raboueh il 22 giugno 2001, ad arcivescovo titolare di Tarso dei Greco-Melchiti e curiale di Antiochia dei Melchiti. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 2 settembre successivo presso la basilica di San Paolo ad Harissa dal patriarca Gregorio III Laham, coconsacranti l'arcivescovo curiale Jean Mansour e l'arcieparca di Beirut e Jbeil dei Melchiti Joseph Kallas. Il 13 ottobre 2006 è stato nominato vicario patriarcale di Damasco dei Melchiti.

Il 21 giugno 2017 il sinodo dei vescovi della Chiesa cattolica greco-melchita lo ha eletto patriarca di Antiochia, di Gerusalemme e di tutto l'Oriente. Il giorno successivo papa Francesco gli ha concesso la ecclesiastica communio.

Contestualmente alla sua elezione alla cattedra patriarcale ha assunto la carica di Protettore Spirituale dell’Ordine Militare ed Ospedaliero di San Lazzaro di Gerusalemme, così come avevano fatto tutti i suoi predecessori.

E’ stato nominato Accademico Onorario dell’Accademia Teutonica Enrico VI di Hohenstaufen, così come già era avvenuto per il suo predecessore.

 

 

6 NOVEMBRE 2017

L’ARCIVESCOVO DI AMBURGO MONS. STEFAN HEßE

CAVALIERE D’ONORE DELL’ORDINE TEUTONICO

L’Arcivescovo di Amburgo Mons. Stefan Heße è stato investito come Cavaliere d’onore dell’Ordine Teutonico nel corso di una solenne cerimonia presso la Chiesa del Gran Magistero a Vienna.

Nato a Colonia il 7 agosto 1966, da una famiglia di panettieri, è cresciuto nel distretto di Junkersdorf. Frequenta George Büchner Gymnasium nel quartiere Weiden di Colonia e dopo la laurea nel 1986, ha studiato teologia e filosofia presso l'Università di Bonn e l'Università di Regensburg.

E’ stato ordinato sacerdote il 18 giugno 1993 dal cardinale Joachim Meisner nella cattedrale di Colonia e fino al 1997 ha svolto il proprio ministero presso la chiesa di S. Remigius nella città di Bergheim. Dal 1997 al 2003 è stato docente presso il Collegium Albertinum del seminario a Bonn.

Nel 2001 ha conseguito il dottorato in Teologia presso la Scuola Filosofica-Teologica di Vallendar con una tesi su Hans Urs van Balthasar.

Dal 2003 al 2005 ha diretto il Dipartimento dei Servizi Pastorali dell'Arcidiocesi di Colonia e nel 2003 ha ricoperto pure la posizione di delegato arcidiocesano per la radio e la televisione, un incarico tenuto fino al 2012.

Il 26 gennaio 2015 il Papa Francesco lo ha nominato arcivescovo di Amburgo. La sua consacrazione episcopale si è svolta il 14 marzo 2015.

 

 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

La consultazione del sito dell'Ordine Teutonico Sicilia prevede l'utilizzo di cookie. La prosecuzione della navigazione si intende come implicita accettazione di tale condizione.